Cura con la medicina, guarisci con il cibo
Slider
12 Luglio 2018

Il girasole: mito, usi e proprietà del fiore simbolo del Sole

Chi ha la fortuna di vivere vicino alla campagna o in collina, durante l’estate potrà facilmente imbattersi in qualche appezzamento coltivato a girasoli e godere in questo periodo dell’anno della loro vivacissima e allegra fioritura.

 

Il girasole è una pianta originaria del Sud America e solo intorno al 1500 venne introdotta nel vecchio continente dai conquistatori europei. Gli Incas lo associavano simbolicamente al dio Sole e lo utilizzavano per decorare i templi in occasione delle celebrazioni dedicate ad esso. I saggi ne utilizzavano i semi per leggere l’universo, disponendoli in senso antiorario in tre cerchi concentrici.

Queste popolazioni ne conoscevano anche l’aspetto nutritivo: attraverso i semi infatti ricavavano una farina utile per produrre pane e zuppe; i semi venivano anche essiccati e in seguito pestati potendone così fare una polvere con cui preparare una bevanda simile al caffè; con quelli freschi invece si apprezzava già la preparazione dell’olio. A livello terapeutico le foglie venivano fatte decuocere e somministrate in caso di febbre o disturbi respiratori.

Trattandosi di una pianta piuttosto fibrosa, grazie alle foglie e agli steli si ricavavano filati per abiti e stuoie. Insomma del girasole non si buttava via proprio nulla.

 

L’olio di girasole

Anche oggi il girasole rappresenta un’ottima risorsa, specialmente in ambito alimentare. L’olio di girasole è noto a tutti e da qualche anno la sua produzione è andata aumentando dal momento che rappresenta uno dei primi candidati in ambito industriale per la sostituzione dell’olio di palma, dopo le accese discussioni in tema di salute e impatto ambientale legate a quest’ultimo.

Guardandolo con gli occhi della scienza, l’olio di girasole rappresenta una buon serbatoio di acido linoleico (che fa parte degli omega 6) utile alle funzioni cardiocircolatorie ed è inoltre ricchissimo di vitamina E. Proprio grazie a quest’ultima l’olio di girasole è impiegato con successo anche in ambito cosmetico: l’ingrediente che lo identifica è Helianthus annuus sunflower seed oil e lo si trova spesso nelle creme antirughe, cicatrizzanti, emollienti e antismagliature.

 

Per la Medicina Cinese l’olio che si ricava dal girasole è dotato di una natura termica tendente al caldo e il suo sapore è dolce e insipido. Come buona parte degli oli, la sua funzione principale è quella di umidificare (specialmente organi quali Polmone e Intestino Crasso). Riduce quindi la secchezza ed è utile in caso di stipsi, mal di gola, tosse secca ed è inoltre indicato come antiparassitario intestinale e per regolarizzare i valori del colesterolo.

Per beneficiare al meglio delle sue proprietà sarebbe meglio scegliere l'estratto non raffinato e consumarlo crudo, oppure usato per cotture a basse temperature: fritture o lunghe cotture lo porterebbero infatti a degradare velocemente la maggior parte dei suoi elementi trasformandoli in sostanze poco salutari.

 

I semi di girasole

Fonte di ferro, fosforo, rame, zinco, manganese, cobalto e potassio, i semi di girasole rappresentano un cibo molto prezioso. Sono inoltre ricchissimi di vitamina B, utile al sistema nervoso; ai semi di girasole è inoltre riconosciuta la capacità di prevenire il tumore intestinale oltre che essere un alleato del colesterolo e un valido antiossidante.

La Medicina Cinese lo classifica tra gli alimenti dal sapore dolce e la natura termica neutra. Le sue azioni si dirigono a più distretti: Polmone, Intestino Crasso, Fegato e Rene. Comunemente all’olio, i semi svolgono un’azione umidificante e antiparassitaria a livello degli intestini e alleviano condizioni di tosse secca e raucedine; oltre a ciò sono in grado di calmare l’attività eccessiva del Fegato (cefalee, vertigini, acufeni, ipercolesterolemia…). I semi tostati acquistano invece un’energia più calda che li rende utili in caso di diarrea o enteriti. In quest’ultimo caso non bisogna però eccedere con il consumo poiché è facile generare eccessivo calore e secchezza.

 

Trattandosi inoltre di un seme, esso è ricco di vitalità (jing), andando quindi a nutrire il Rene da cui si origina ogni sistema ed essenza del nostro corpo.

Ottimi da consumare al mattino insieme ai fiocchi di cereali, nei porridge o nelle barrette energetiche fatte in casa; aggiunti nelle insalate estive, nei pesti o per arricchire il pane, i semi di girasole in cucina rappresentano un alimento molto versatile e gustoso.

 


Potrebbe anche interessarti:

L’estate e il risveglio dell’Imperatore in medicina cinese

L'ortica: l'erba che armonizza il sangue

 

Vota questo articolo
(2 Voti)

Scrivimi per informazioni

Le attività svolte durante gli incontri non sono di natura sanitaria. L'alimentazione energetica cinese non sostituisce diete prescritte da personale medico, nutrizionisti o dietisti in caso di patologie. 

 

  

Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa privacy resa ai sensi dell'Art. 13 Regolamento Europeo 679/2016, e di rilasciare il consenso al trattamento dei dati personali

Powered by Riweb - Rimini Web Agency  login