Cura con la medicina, guarisci con il cibo
Slider
21 Novembre 2018

Gli odori del cibo e la loro influenza sugli organi

In Medicina Cinese si sa, niente è lasciato al caso…neppure l’odore dei cibi che, buoni o cattivi che siano, rappresentano comunque una fonte di energia che inevitabilmente stimola e risveglia in maniera riflessa i nostri organi.

 

Secondo la teoria dei cinque elementi infatti, ogni organo preso in considerazione dalla Medicina Cinese, è strettamente collegato ad una serie di elementi che in un qualche modo lo condizionano o ne richiamano la sua attività energetica. Tali elementi rientrano in diverse categorie: per esempio i colori (il bianco è associato al Polmone, il nero al Rene…), le stagioni (la primavera al Fegato, l’autunno al Polmone…), i sapori (l’amaro al Cuore, il dolce a Milza/Pancreas…) e così pure gli odori.

Un esempio molto semplice: quando passiamo davanti ad una panetteria che ha appena esposto il pane ancora caldo, la fragranza che avvertiamo ci fa subito venire l’acquolina in bocca e risveglia immediatamente l’appetito…difficilmente si resiste al profumo del pane appena sfornato!

 

Questo perché il tipico odore del pane o di un prodotto da forno ancora caldo, arriva subito a stimolare il sistema Milza/Pancreas-Stomaco, la coppia organo viscere deputata a ricevere il cibo e i liquidi e ad attuare la prima trasformazione che porterà le sostanze più pure verso l’alto, per la formazione di qi e sangue, e il torbido verso il basso per le ulteriori raffinazioni.

 

Ma gli odori che possiamo avvertire sono tanti e non sempre ci aprono lo stomaco, anzi qualche volta ci fanno proprio storcere il naso, ma ad ogni modo ognuno di questi può dirigersi verso un particolare sistema: vediamo allora un po’ più nel dettaglio quelli principali.

 

fish 139162 1280 Copia

Bruciato (jiao): il tipico odore rilasciato dal cibo che abbiamo dimenticato sui fornelli un po’ troppo a lungo è riconducibile al Cuore. Quest’organo infatti è in relazione con il fuoco, il massimo dello yang, pertanto l’odore emanato da un cibo che è venuto in stretto contatto con questo elemento stimola la sua attività. La stessa cosa accade con i cibi abbrustoliti, arrostiti e tostati: il caffè ne è un buon esempio poiché sappiamo bene l’effetto che ha nei confronti dell’attività cardiaca.

 

Odore dbeef 1846030 1280 Copiaella carne cruda (xing): ci si riferisce in questo caso sia alla carne frollata che ai pesci (specie se non proprio freschi...), ma anche all’odore metallico che emana il sangue, o a quello che rilascia il cavolo cotto…non sono di certo gradevoli ma al di là dei gusti, questi odori richiamano il Polmone e la loggia del metallo, l’elemento che appunto lo governa e che sono riconducibili ad odori pesanti e stantii.

 

22Crauti22 stufati Copia

Rancido (sao): si tratta di un odore tendente all’acido riconducibile alla fermentazione di alcune verdure, ma è anche tipico di alcuni formaggi stagionati, di burri fermentati o di olii e grassi esposti troppo a lungo all’ossigeno e alla luce. A livello energetico questo odore è legato al Fegato, ossia all’elemento legno e al sapore acido ad esso associato (se il sistema Fegato-Vescicola Biliare è in disequilibrio questo tipico odore potrebbe peggiorare il quadro con manifestazioni quali per esempio la cefalea).

 

tofu 3562182 1280

Odore fermentato (fu): in questo caso si ricomprende una gamma più ampia di odori come quello più intenso della soia fermentata, dei funghi o degli ortaggi conservati in salamoia. Questi odori, che possono ricordare anche un qualcosa di vagamente marcio, ristagnante e fermo, muovono l’energia del Rene e l’elemento acqua: essi sono associati al massimo dello yin, all’immobilità e al freddo.

 

bruschetta 3352415 1280 Copia

Odore dolce e aromatico (xiang): tipico dei prodotti a base di cereali, ma anche alle erbette aromatiche e in senso più generale a tutti gli odori che riteniamo “buoni” e “invitanti” associabili a qualunque pietanza ci stimoli l’appetito e ci faccia sentire il desiderio di mangiarlo con gusto. Si tratta di sensazioni olfattive toniche e stimolanti del sistema Milza-Stomaco, in grado di rilassare e promuovere il buon umore.  

 

 

“Il Cielo alimenta l’uomo con i cinque odori. Essi entrano nel naso, si dirigono al petto e risalgono a colorare il viso e a dare suono alla voce”  Suwen, cap. 8

 

 


Potrebbe anche interessarti:

Cuocere yin, cuocere yang: quando sono le cotture a modificare i nostri equilibri

I sapori in medicina cinese

Vota questo articolo
(2 Voti)

Scrivimi per informazioni

Le attività svolte durante gli incontri non sono di natura sanitaria. L'alimentazione energetica cinese non sostituisce diete prescritte da personale medico, nutrizionisti o dietisti in caso di patologie. 

 

  

Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa privacy resa ai sensi dell'Art. 13 Regolamento Europeo 679/2016, e di rilasciare il consenso al trattamento dei dati personali

Powered by Riweb - Rimini Web Agency  login