Cura con la medicina, guarisci con il cibo
Slider
29 Maggio 2019

Malesseri e disturbi nei cambi di stagione? La medicina cinese ci spiega perché

Nella teoria dei cinque elementi sappiamo che ogni stagione è associata ad una precisa coppia organo-viscere che governa in misura maggiore, rispetto agli altri sistemi, un determinato periodo astronomico. E stando a tale teoria vi sarebbe dunque una quinta stagione tanto importante da essere oggetto di grande considerazione nella cultura orientale.

 

 

Solitamente questa stagione supplementare è attribuita alla tarda estate, ossia al passaggio dall’estate all’autunno, quando si passa in maniera significativa da un periodo particolarmente yang (primavera ed estate) ad uno decisamente più yin (autunno-inverno).

Ma questa fase di cambiamento non è limitata alla fine del grande caldo poiché tale evoluzione riguarda più in generale un periodo di circa 18 giorni che caratterizza ogni passaggio stagionale; se volessimo collocare nel calendario i periodi in questione avremmo questa suddivisione:

  • 17 gennaio – 5 febbraio (inverno-primavera)
  • 17 aprile – 5 maggio (primavera-estate)
  • 20 luglio – 7 agosto (estate-autunno)
  • 20 ottobre – 7 novembre (autunno-inverno)

700 FO41843253 274b5dae5b5e394879dbe548b007b7a0

Ciò che noi conosciamo come cambio di stagione è associato nella filosofia orientale alla coppia Milza/Pancreas-Stomaco. Parliamo di un sistema fondamentale fortemente legato alla loggia della Terra. Questo elemento rappresenta il centro attorno cui tutto ruota: la terra è ciò che nutre e dà la vita, permette le trasformazioni, dona sostanze fertili utili alla nascita e crescita di tutti gli esseri viventi.

 

Analogamente, il sistema Milza/Pancreas-Stomaco è il cardine del processo di trasformazione di cibi e bevande. Essi vengono accolti, trasformati e trasportati attraverso l’energia di questi organi: la Milza presiede alla risalita delle sostanze più pure che andranno a comporre il sangue e il qi, mentre lo Stomaco si occupa della discesa e del transito verso il basso delle parti residuali.

Proprio questa capacità trasformativa accomuna Milza/Pancreas a quei periodi di passaggio in cui una stagione si evolve e si trasforma in un’altra.

 

Ma questo periodo di trasformazione rende di contro più sensibile e debole l’energia di Milza/Pancreas-Stomaco generando quindi problematiche più accentuate nei soggetti in cui il sistema digestivo risulta già in disequilibrio:

  • Dispepsie, gastralgie, reflussi, borborigmi
  • Gonfiori post prandiali, nausea, irregolarità intestinale
  • Sonnolenza dopo i pasti
  • Difficoltà a svegliarsi al mattino
  • Senso di pesantezza/stanchezza, catarri, bocca impastata

 

Sono i disturbi più frequenti che emergono durante i cambi di stagione: tutti segni riconducibili non a caso a un sistema Milza/Pancreas in difficoltà.

Le disarmonie possono poi trovare sfumature un po’ diverse anche a seconda dell’organo che si sta attivando con la nuova stagione: per esempio con l’arrivo della Primavera possono prevalere le gastralgie, l’irritabilità o i disturbi del sonno per il risveglio dell’energia del Fegato; mentre con l’arrivo dell’Autunno potrebbero comparire più facilmente sonnolenza, tristezza, catarri o dolori reumatici per l’ingresso del sistema Polmone/Intestino Crasso.

 

Come possiamo aiutarci?

Alla base quindi dei disturbi e dei malesseri che durante i cambi di stagione molte persone accusano vi è per la medicina cinese un indebolimento di Milza/Pancreas.

Per migliorare e sostenere questa energia al fine di ridurre (o evitare) queste problematiche potrebbe risultare utile seguire questi accorgimenti:

  • Consumiamo un’alimentazione leggera: evitiamo quanto possibile cibi grassi e industriali ed integriamo invece legumi e cereali in chicco, semi oleosi, carni magre e bianche e tanto pesce;
  • Lasciamo stare gli zuccheri raffinati (comprese bevande zuccherate e snack) e i latticini poiché creano stagnazione ed eccesiva umidità, un elemento che ostacola notevolmente l’attività di Milza
  • Beviamo acqua calda ai pasti e agevoliamo la digestione con tisane a base per esempio di finocchio, liquerizia, salvia, anice, menta e cardamomo: erbe preziosissime per l’attività digestiva
  • Attenzione anche a troppa frutta, yogurt e verdura cruda che sono difficili da trasformare per una Milza deficitaria
  • Dedichiamoci ad un’attività fisica all’aperto e così pure alle attività creative la cui energia porta a rilassarci mentalmente, a far circolare meglio il qi e a sostenere le attività di Milza
  • Curiamoci maggiormente della parte sia fisica che mentale attraverso massaggi e ginnastiche energetiche che tonificano e riequilibrano l’energia di tutti gli organi aumentando così la loro naturale capacità di adattamento nelle fasi di transizione stagionale

 


Ti potrebbe interessare anche:

Il vento come causa di malattia in medicina cinese

La gastrite in medicina cinese

Vota questo articolo
(1 Vota)

Scrivimi per informazioni

Le attività svolte durante gli incontri non sono di natura sanitaria. L'alimentazione energetica cinese non sostituisce diete prescritte da personale medico, nutrizionisti o dietisti in caso di patologie. 

 

  

Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa privacy resa ai sensi dell'Art. 13 Regolamento Europeo 679/2016, e di rilasciare il consenso al trattamento dei dati personali

Powered by Riweb - Rimini Web Agency  login